Calcio Lecce 

Tris al Cosenza, il Lecce torna ad esultare. E sono dieci risultati utili

Il Lecce vince e convince, interrompendo la serie di tre pari di fila superando 3-1 il Cosenza in un match che meritava divario più ampi. Dal primo all’ultimo, infatti, risultato mai in discussione e salentini capaci di schiacciare l’avversario sotto una miriade di occasioni, subendo gol nell’unica occasione. Ora la classifica dice terzo posto.

Baroni ha a che fare con l’emergenza infortuni e virus, così inserisce Blin in regia, Bjorkengren mezzo sinistro e cerca forze fresche sulle corsie difensive con Calabresi e Gallo. Per Zaffaroni solito 3-5-2 con Caso preferito a Millico in avanti. Lecce proiettato in avanti sin dalle battute iniziali, provando a mettere in difficoltà l’ordinata difesa calabrese. Che al quinto trema, quando Strefezza disegna un gran cross per Coda che di testa manda alto di poco. Ancora il bomber giallorosso insidioso e vicino al bersaglio grosso un quarto d’ora dopo, quando riceve sulla destra, si accentra e con un bel mancino a giro costringe Vigorito all’intervento. Al venticinquesimo azione insistita dei giallorossi, che protestano per un fallo di mano di Rigione, arrivando poi al tiro con Majer autore di una trivela troppo debole per impensierire Vigorito. L’ex più atteso di giornata deve arrendersi alla mezz’ora: gran triangolazione Di Mariano-Coda-Strefezza che, liberato al tiro dai 25 metri, sfoggia un destro forte e preciso che sblocca il risultato. Al 36? altra opportunità per i giallorossi con il solito Coda, che sfrutta una gran discesa di Meccariello per calciare, trovando ancora prontissimo Vigorito. Il primo timido tentativo della partita silana arriva al minuto quarantatré, quando Caso scatta sul filo del fuorigioco per poi tirare alto da posizione defilata. Pochi secondi prima dell’intervallo c’è comunque il tempo per il raddoppio, meritatissimo, firmato Massimo Coda. Gran merito va a Calabresi, che dalla destra lascia partire un traversone che aspetta solo di essere deviato in rete dalla punta.

Nella ripresa il Lecce riprende da dove aveva lasciato, schiacciando gli avversari. E al 47? è già tris firmato Bjorkengren: strepitoso invito di Strefezza che premia l’inserimento dello svedese, fortunato poi nel rimpallo con Vigorito. Al 51? ci prova anche Blin al termine di una tambureggiante azione giallorossa: il destro del francese è caramellato e Vigorito blocca facile. Sei giri di lancette e gran contropiede orchestrato da Gallo, apertura per Strefezza e potente destro del brasiliano alto sopra la traversa di poco. Sfortunato Di Mariano subito dopo: l’esterno riceve il cross di Coda e da due passi coglie in pieno il palo. Altro legno salentino al minuto sessantadue: sfondamento strepitoso di Calabresi, che vince due contrasti e si presenta solo davanti a Vigorito, cogliendo in pieno il palo. All’ennesimo gol mangiato il Lecce viene punito in contropiede da Caso, che sfrutta il lavoro di Florenzi e Gori trovando i mancino il gol della bandiera. Nei minuti immediatamente successivi due bei tiri di fuori, prima di Majer e poi di Rodriguez, vanno fuori di pochissimo. Sono le ultime emozioni del match, chiuso sul 3-1.

Nel prossimo turno il Lecce ospiterà il Parma nel match in programma domenica alle 14.

#ads#

Lecce, stadio “Via del Mare”

lunedì 1° novembre 2021, ore 15

Serie BKT 2021/22 – giornata 11

LECCE-COSENZA 3-1

RETI: 30? Strefezza (L), 45+1? Coda (L), 47? Björkengren (L), 67? Caso (C)

 

LECCE (4-3-3): Bleve – Calabresi, Lucioni, Meccariello, Gallo – Majer (89? Barreca), Blin (89? Hjulmand), Björkengren – Strefezza (63? Rodriguez), Coda, Di Mariano (78? Listkowski). A disp.: Gabriel, Vera, Paganini, Bjarnason, Gendrey, Vulturar, Gonzalez, Felici. All.: Marco Baroni.

COSENZA (3-5-2): Vigorito – Tiritiello (14? Minelli), Rigione, Pirrello – Situm, Carraro, Palmiero (63? Gerbo), Anderson (63? Florenzi), Bittante (63? Corsi) – Caso (77? Pandolfi), Gori. A disp.: Saracco, Matosevic, Panico, Kristoffersen, Venturi, Millico, Vallocchia. All.: Marco Zaffaroni.

#adv#

Fonte: Salentosport.net

Foto: ph. Coribello/SalentoSport)

 

Potrebbeinteressarti